Press release

STEPHAN BALKENHOL
1 Febbraio - 30 Marzo 1996

Giovedí 1 febbraio 1996, alle ore 18, presso Monica De Cardenas, in via Viganó 4 a Milano si inaugura la mostra personale di Stephan Balkenhol, che presenta le sue opere più recenti, tra cui sculture, bassorilievi e disegni.

Nato a Fritzlar (Hessen) in Germania nel 1957, Stephan Balkenhol da circa dieci anni sta infondendo nuova vita alla scultura figurativa con opere di grande immediatezza ed originalità. Le figure di donne, uomini e animali sono scolpite vigorosamente, ma con grande precisione, da un unico tronco d'albero ed illuminate dal colore. Nonostante l'uso di questa tecnica tradizionale, le figure non hanno nulla di eroico o espressionista, bensí rappresentano con sobrietà la gente comune della nostra epoca, che Balkenhol osserva e registra nelle numerose fotografie che scatta per le strade.

All'immediatezza comunicativa e sensuale della figura scolpita, le sculture di Balkenhol uniscono la razionalità e sobrietà della tradizione minimalista, amalgamando cosí due tendenze dell'arte contemporanea diametralmente opposte ed avvicinandosi al contempo al lavoro di artisti fotografi come Thomas Ruff e Jeff Wall.

Dopo aver concluso gli studi presso l'accademia di Amburgo come allievo dello scultore minimalista tedesco Ulrich Rückriem, Balkenhol scopre ben presto la sua predilezione per il legno come materiale e la sua vocazione di "voler reinventare la figura". Dal 1984 espone regolarmente in gallerie e musei, tra cui la Kunsthalle di Basilea nel 1988, la Kunsthalle di Amburgo nel 1991, l'Irish Museum of Modern Art di Dublino nel 1991, il Witte de With Center for the Arts di Rotterdam nel 1992, il Musée d'Art Contemporain de Rochechouart in Francia e la Nationalgalerie di Berlino nel 1994 e infine l'Hirshhorn Museum di Washington nel dicembre 1995.

Viene inoltre chiamato a realizzare alcuni sorprendenti progetti all' aperto, come per esempio in occasione della mostra "Doubletake" a Londra nel 1992, dove Balkenhol installa una enorme testa di legno su un ponte del Tamigi, oppure ad Amburgo, nel 1993, dove colloca quattro figure maschili su altrettante boe del porto.

Orario visite: dal martedí al venerdí ore 15-19; sabato ore 10-18 e su appuntamento. La mostra dura fino al 30 marzo 1996. Per ulteriori informazioni e materiale fotografico rivolgersi in galleria.

Texts

Stephan Balkenhol