Installation views

Images

Press release

CRAIGIE HORSFIELD
26 May - 29 July 2005

We are pleased to announce the exhibition of Craigie Horsfield, in which we will show twenty new photographic works in color and black and white.

Craigie Horsfield is known for his extraordinary black and white photographs and for the epic film El Hierro Conversation shown at the last Documenta and the Whitney Biennal. Since 2003 he is making color photographs and printing them with the new technique called "dry print". Dry prints are modified ink-jet prints, in this case printed on drawing paper. The works are the result of a long and complex process, sometimes developed over many years. The color is of great intensity and depth, giving the represented objects an almost disquieting presence.

The exhibition is conceived as shifting between anxiety and contemplation, having at its fulcrum a group of portraits taken from the film Horsfield has made in New York in the weeks following 9/11, that will be shown at the Jeu de Paume in Paris in January 2006.

The works are concerned with attention and distraction, disquiet and quiescence. The images oscillate between portraits in motion and images of objects and landscapes that require an extended time frame. They are the result of reflections on the central themes of Horsfield's artistic production: the slow passing of time, history and the present, narrative and the portrait. Tranquility is conceived as a beloved period of the present, a slow time for attention and contemplation. The simplicity of the images is deceptive: in so far as they are reflections on the state of being and representation, on the method and the materials, these works imply small shifts in attention that have big consequences of meaning. As in the previous black and white photographs, the surfaces are fragile and tenacious and the signs of repeated actions and slow disintegration are omnipresent. To these continual structural shifts are added parallel historical tales of anxiety and tranquility, both familiar and foreign at the same time, that take us back to our own experiences, to the art of the past and to literature.

Born in Cambridge, Great Britain, in 1949, Craigie Horsfield studied at St.Martin's School, London, from 1967 to 1971. He was among the first young artists to change over to photography, sensing the potential of representation not only of reality, but also of emotions. In keeping with his Socialist convictions, he lived in Cracow, Poland, from 1972 to 1979. During this period he created photographs that underlined the role of the individual in the history and culture of a place; the present was perceived as a moment that lasts in time, that contains both past and future. Hordfield started to print them in large only after his return to London in 1980. In 1987 his work was discovered by Jean-Francois Chevrier and James Lingwood, who invited him to participate in the exhibition Another Objectivity (Centre National des Arts Plastiques, Paris and Museo Pecci, Prato, 1989), together with photographer artists Robert Adams, Bernd and Hilla Becher, Thomas Struth, Jeff Wall and others. There followed the personal exhibitions at the ICA, London, in 1991, at the Stedelijk, Amsterdam, the Kunsthalle, Zurich in 1992, the Walker Art Center, Minneapolis in 1993 and the Carnegie Museum, Pittsburgh in 1994.Since 1993, Horsfield has sought to blend his artistic perception with social reality, and has executed projects that explore the theme of the relationship between the individual and collectivity. His works are the product of the collaboration and involvement of other people as well as the use of various mediums: not only photography but also film, video, performance and sound installations. Among these projects we recall Barcelona: La Ciutad de la Gent (1993-1995), The Rotterdam Conversation: City and Community (1997-1998), Brussels Summer (2000) and El Hierro Conversation (2001-2002). The museum Jeu de Paume, Paris, is preparing a retrospective of Craigie Horsfield's work for January 2006.

The works of Craigie Horsfield have been exhibited and acquired by leading European and American museums. He participated in Documenta Kassel in both 1997 and 2002.

In the Project Room, we show an installation and works by the young Italian artist Andrea Sala.

Sala creates objects and installations that take apart and re-interpret architectural and design projects, purifying them of anything connected with their purpose. The shape that results from this, subjected by the artist to variations in scale and volume, is then remodeled with materials commonly used to execute architectural prototypes, such as wood, pressed pvc, plaster or marble dust. The object obtained from this process of sublimation then suggests new and unexpected possibilities of the dialogue with Space.

The project conceived by Sala for the gallery is entitled Mairea and is dedicated to the poetics of Alvar Aalto. The work reinterprets and subtlety transforms the exhibition space and the offices of the gallery. At the same time, it is a reflection on the aesthetics of the Finnish architect, of his passion for the undulating plane, and the possible sources of his inspiration, from the lakes of Finland to the section of a tree. In some of his drawings, Sala develops the profile of the Savoy vase with the same freedom with which, faced by a landscape, he draws with spontaneity a mountain profile.

In 2004 Andrea Sala presented a big installation at IX Biennal of Architecture of Venice, in which he covered the ceiling of a space in the Italian pavilion with white irregular and luminous shapes. The starting point in this case was the staging by the Castiglioni brothers of 21 round textile-covered lamps for the X Triennale of 1954. Concentrating on the luminous aspect of this work and transforming regular shapes in to irregular forms, Sala created a sort of luminous landscape different from the original of 50 years ago.

In the exhibition "Exit" Curated by Francesco Bonami at the Fondazione Sandretto Re Rebaudengo in Turin, Sala presented a model of the Villa Savoye by Le Corbusier on a scale of 1:17 transformed into a wooden bookcase made of birch wood. Thus it loses its purpose without losing the quality of the architectural space of the object and re-uses in a concrete manner the concept of the model that was the basis of Le Corbusier's work.

Andrea Sala was born in Como in 1976. He lives and works in Mariano Comense. Principal exhibitions: 2004: Notizie dall'interno, IX Biennale di Architettura, Venice; 2003: (F)art in dreams, Centro Culturale la Rada, Locarno; Ratio, Galleria Comunale, Monfalcone (Go); Fragments d'un discours italien, Mamco, Geneva; Prototipi 02, Fondazione Olivetti, Rome; 2002: Exit, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Turin; 2001: Almost famous, Castel San Pietro (Bo); 2000: Emporio, Via Farini, Milan; Junge Kunst aus Italien, Documenta Halle, Kassel; Mind the Gap, Akademie Galerie, Monaco.

CRAIGIE HORSFIELD
26 Maggio - 29 Luglio 2005

Siamo felici di annunciare la mostra personale di Craigie Horsfield, in cui presentiamo venti nuove opere fotografiche a colori e in bianco e nero.

Craigie Horsfield è conosciuto soprattutto per le straordinarie fotografie in bianco e nero di grandi dimensioni e grande intensità e per il film "El Hierro Conversation" mostrato a Documenta 11 e all'ultimo Whitney Biennal a New York. Solo nel 2003 ha cominciato ad utilizzare anche la fotografia a colori, stampando le sue fotografie con la nuova tecnica "dry print". Dry prints sono stampe a getto d' inchiostro modificate, in questo caso realizzate su carta da disegno. Le opere sono il risultato di un processo lungo e complesso elaborato negli anni. Il colore è di grande intensità e profondità e le persone e gli oggetti riprodotti ottengono una presenza quasi inquietante.

La mostra è composta da tre gruppi di opere: immagini provenienti dal film El Hierro Conversation (ritratti e paesaggi), film stills dal film Broadway che Horsfield ha realizzato a New York nelle settimane dopo l'11 settembre 2001 - che verrà presentato nel gennaio 2006 al Jeau de Paume di Parigi - e still lifes di oggetti e piante dal titolo Irresponsible Drawings.

La mostra è ideata come un insieme che fluttua tra inquietudine e quiete e ha come centro focale un gruppo di ritratti provenienti dal film che Horsfield ha realizzato a New York nelle settimane dopo l'11 Settembre 2001. Le opere riguardano attenzione e distrazione, inquietudine e contemplazione. Le immagini oscillano tra questi significati: tra ritratti in movimento e immagini di oggetti o di paesaggio che richiedono un tempo prolungato. Sono il risultato di riflessioni sui temi centrali della produzione artistica di Horsfield: il tempo nel suo trascorrere lento, la storia e il presente, il racconto e il ritratto. La quiete è concepita come una durata amata del presente, un tempo lento di attenzione e contemplazione. La semplicità delle immagini è ingannevole: in quanto riflessioni su essere e rappresentazione, sul mezzo e sul materiale utilizzato, queste opere implicano piccoli spostamenti di attenzione che hanno grandi conseguenze di significato. Come nelle precedenti fotografie in bianco e nero, le superfici sono fragili e tenaci e i segni di azioni ripetute e di lenta disintegrazione sono onnipresenti. A questi continui spostamenti strutturali si accompagnano trame parallele di racconti storici di ansietà e quiete, familiari ed estranei al contempo, che rimandano al nostro vissuto, all'arte del passato ed alla letteratura. Le fotografie ci parlano del presente, ma la composizione sovente si ricollega a momenti della storia dell'arte come il Rinascimento italiano o la pittura fiamminga.

Nato a Cambridge in Gran Bretagna nel 1949, Craigie Horsfield studia alla St.Martin's School di Londra dal 1967 al 1971. E' tra i primi giovani artisti a passare alla fotografia, intuendone le grandi potenzialità di rappresentazione non solo del reale, ma anche delle emozioni. Seguendo le sue convinzioni socialiste dal 1972 al 1979 vive a Cracovia in Polonia. In questo periodo realizza fotografie che sottolineano il ruolo dell'individuo nella storia e nella cultura di un luogo; il presente viene visto come momento che dura nel tempo, che contiene passato e futuro. Stampa in grande formato solo più tardi, dopo essere rientrato a Londra nel 1980. Nel 1987 il suo lavoro viene scoperto da Jean-Francois Chevrier e James Lingwood, che lo invitano a partecipare alla mostra ormai storica "Un'altra obiettività" (Centre National des Arts Plastiques, Parigi e Museo Pecci, Prato, 1989) insieme agli artisti fotografi Robert Adams, Bernd e Hilla Becher, Thomas Struth, Jeff Wall e altri. Seguono le mostre personali all'ICA di Londra nel 1991, alo Stedelijk di Amsterdam e alla Kunsthalle di Zurigo nel 1992, al Walker Art Center di Minneapolis nel 1993 ed al Carnegie Museum di Pittsburgh nel 1994.
Dal 1993 Horsfield cerca di fondere la sua percezione artistica alla realtà sociale, e realizza progetti che indagano il tema della relazione tra individuo e collettività. I suoi interventi nascono ora dalla collaborazione e dal coinvolgimento di altre persone e attraverso l'uso di mezzi diversificati: non solo la fotografia ma anche film, video, performance e installazioni sonore. Tra questi progetti ricordiamo "Barcelona: La Ciutad de la Gent" (1993-1995), "The Rotterdam Conversation: City and Community" (1997-1998), "Brussels Summer" (2000) e "El Hierro Conversation" (2001-2002). Il Jeu de Paume di Parigi sta preparando una retrospettiva di Craigie Horsfield per gennaio 2006.

Le opere di Craigie Horsfield sono state esposte ed acquisite da importanti musei europei e americani. Sia nel 1997 e che nel 2002 ha partecipato a Documenta a Kassel.

Nella Project Room presentiamo il giovane artista italiano Andrea Sala.

Sala crea oggetti e installazioni scomponendo e reinterpretando progetti di architettura o design, depurandoli da tutto ció che conduce alla loro funzione. La forma che ne deriva, sottoposta dall'artista ad una variazione di scala e volume, viene in seguito rimodellata con materiali comunemente usati per realizzare prototipi e plastici architettonici, come legno, il pvc pressato, plaster o polvere di marmo. L'oggetto ottenuto da questo processo di sublimazione è pronto a suggerire nuove e inaspettate possibilità di dialogo con lo spazio.

Il progetto ideato da Sala per la galleria si intitola Mairea ed è dedicato alla poetica di Alvar Aalto. L'intervento reinterpreta e trasforma sottilmente lo spazio espositivo e gli uffici della galleria ed è al contempo una riflessione sull'estetica dell'architetto finlandese, la sua passione per il piano ondulato e le sue possibili fonti d'ispirazione, dai laghi della Finlandia alla sezione di un albero. In alcuni disegni, Sala sviluppa il profilo del vaso Savoy con la stessa libertà con cui, di fronte ad un paesaggio, si disegna con immediatezza un particolare profilo montuoso.

Nel 2004 Andrea Sala ha presentato una grande installazione alla IX Biennale di Architettura di Venezia, in cui ha ricoperto il soffitto di uno spazio del Padiglione Italia di bianche forme organiche irregolari e luminose. Il punto di partenza in questo caso era dato dall'allestimento dei fratelli Castiglioni per la X Triennale del 1954, composto da 21 lampade in tessuto di forma circolare. Concentrandosi sull'aspetto luminoso dell'intervento e trasformando le forme regolari in forme irregolari, Sala ha creato una sorta di paesaggio luminoso diverso dall'originale di cinquant'anni fa.

Alla mostra "Exit" curata da Bonami alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, Sala ha presentato un modello della Villa Savoye di Le Corbusier in scala 1:17 trasformato in libreria in legno di betulla. Cambia cosí la funzione senza perdere la qualità dello spazio architettonico dell'oggetto e riutilizza concretamente il concetto di modulo alla base della produzione di Le Corbusier.

Andrea Sala è nato a Como nel 1976.
Principale mostre colletive: 2004: Notizie dall'interno, IX Biennale di Architettura, Venezia; 2003: (F)art in dreams, Centro Culturale la Rada, Locarno; Ratio, Galleria Comunale, Monfalcone (Go); Fragments d'un discours italien, Mamco, Ginevra; Prototipi 02, Fondazione Olivetti, Roma; 2002: Exit, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino; 2001: Almost famous, Castel San Pietro (Bo); 2000: Emporio, Via Farini, Milano; Junge Kunst aus Italien, Documenta Halle, Kassel; Mind the Gap, Akademie Galerie, Monaco.

Texts

Craigie Horsfield