Images

Press release

ALEX KATZ
20 November 2008 - 31 January 2009

Monica De Cardenas Gallery in Milano is delighted to announce the exhibition of recent paintings by Alex Katz. We will show paintings from 2008, including a self-portrait and a portrait of Ada, as well as oil sketches and drawings.

American artist Alex Katz is one of the leading figurative painters of our time. Since the 1960s he has developed a highly innovative realist style unlike any of his contemporaries. His landscapes and figures excel in their simplicity of line, form and colour. His brushwork is light and confident, the compositions subtle and simple, the dimensions majestic. Katz creates powerful images. With his huge canvases, selective palette and two-dimensional surfaces he creates paintings that have both realistic and abstract elements and refuse to allow them selves to be pigeonholed.

Alex Katz creates an essential, intense figuration, which thanks to his attention to mass media, cartoons and photography, is close to the sensitivity of much younger artists. Having appeared on the American artistic scene at the end of the '50s, the years of Abstract Expressionism, and being a contemporary of Pop Art and the subsequent artistic movements, Katz surprisingly managed to reconcile the abstract movement with realism in US post war art, in a style that he himself defines as "totally American". The images are essential, luminous, direct and sharp, showing very intense colour planes, rendered in a particular bidimensional perspective, free of any sentimental connotation and yet able to communicate a profound emotional involvement.

Alex Katz was born in New York in 1927 and studied painting at the Cooper Union. After his first solo show at the Roko Gallery in New York in 1954, he began to work on drawings and collages turning to portraits in 1957 and to large size paintings in 1962 after moving to his new studio in Soho. His first retrospective exhibition was held at the Utah Museum of Fine Art. After that he showed regularly in American museums and galleries. In 1986 the Whitney Museum of American Art showed a large-scale retrospective and in 1997 the PS1 Museum in New York organized the exhibition Alex Katz Under the Stars: American Landscapes 1951-1995.

Although he is considered one of the most important American painters, Alex Katz had few exhibitions in Europe until 1995. Europe discovered him in the course of the last ten years. In 1995 the Baden Baden Museum in Germany presented an exhibition entitled Alex Katz. American Landscapes and in 1996 the IVAM Museum in Valencia, Spain, organized a retrospective of his works. In 1998 the Saatchi Gallery in London showed Alex Katz. Twenty-Five Years of Painting. In 2002 the Kunsthalle Bonn hold a retrospective, while the Kunsthalle in Hamburg showed his Cut-Outs. In 1999 the Galleria Civica in Trento organised his first solo show in an Italian museum, and in Summer 2003 the Fondazione Bevilacqua La Masa in Venice showed a selection of his portraits from 1959 to the present. In 2005 a selection of the cartoons for his paintings has been shown at the Albertina in Vienna, and in 2007 he exhibited at the Irish Gallery of Modern Art in Dublin. The artist is widely represented at museum in the USA, including The Museum of Modern Art, the Metropolitan and the Whitney in New York, as well as in some European Museums, like Tate Modern in London and the MMK in Frankfurt.

Catalogue with texts by Luca Beatrice and Hans Rudolf Reust.

ALEX KATZ
20 Novembre 2008 - 31 Gennaio 2009

La galleria Monica De Cardenas di Milano è felice di annunciare la mostra personale di Alex Katz. Presenteremo dipinti del 2008, tra i quali un autoritratto e un ritratto della moglie Ada, alcuni studi preparatori e dieci disegni.

Il pittore americano Alex Katz crea una figurazione essenziale ed intensa che, grazie anche alla sua attenzione ai mass media, ai fumetti ed alla fotografia, oggi è particolarmente vicina alla sensibilità di artisti molto più giovani, sui quali ha esercitato una grande influenza, specialmente nell'ultimo decennio. Entrato nel panorama artistico americano alla fine degli anni '50, gli anni dell'Espressionismo Astratto, e contemporaneo della Pop Art e dei successivi movimenti artistici, Katz è sorprendentemente riuscito a conciliare l'astrattismo ed il realismo nell'arte americana del dopoguerra, in uno stile da lui stesso definito "totalmente americano". Sono immagini essenziali, luminose, dirette e nitide, dagli intensissimi piani di colore, rese in una particolare prospettiva bidimensionale e private di ogni connotazione sentimentale, ma che riescono a comunicare una profonda risonanza emozionale.

Katz ama il ritratto, che non è mai ironico o giudicante ma, lontano dall'essere neutrale, piuttosto attesta la sua devozione e attenzione nei confronti del suo mondo fatto di amici, artisti, poeti, musicisti e ballerini. Ritrae spesso il figlio Vincent e la moglie Ada, sua musa principale e da lui elevata ad icona del nostro tempo.

Alex Katz nasce a New York nel 1927 dove compie i suoi studi di pittura. Dopo la sua prima personale del 1954 alla Roko Gallery di New York, comincia a dedicarsi al disegno e ai collages per arrivare nel 1957 al ritratto e, dopo aver traslocato nel 1962 nel suo studio di Soho, ai dipinti di grandi dimensioni. Nel 1971 la sua prima retrospettiva ha luogo presso lo Utah Museum of Fine Art. In seguito espone regolarmente in diverse gallerie e nei maggiori musei americani. Nel 1986 il Whitney Museum of American Art gli dedica una grande retrospettiva itinerante e nel 1997 il museo PS1 di New York organizza la mostra Alex Katz Under the Stars: American Landscapes 1951-1995.
Benché sia considerato uno dei più importanti pittori americani, Alex Katz fino al 1995 espone poco in Europa, dove il grande pubblico lo ha scoperto solo negli ultimi anni grazie alle mostre che gli hanno dedicato alcuni musei Europei. Nel 1995 il museo di Baden-Baden in Germania gli ha dedicato la mostra Alex Katz. American Landscapes e nel 1996 il museo IVAM di Valencia una retrospettiva. Nel gennaio del 1998 la Saatchi Gallery di Londra e nell'estate del 1999 il Museo d'Arte Moderna di Francoforte hanno presentato mostre personali. Nel 2002 la Kunsthalle di Bonn gli ha dedicato un'ampia retrospettiva e la Kunsthalle di Amburgo ha presentato i suoi Cut-Outs. Nel 1999 la Galleria Civica di Trento gli ha dedicato la prima grande personale in uno spazio pubblico italiano e nell'estate del 2003 la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia ha presentato la mostra Portraits, una selezione di ritratti dal 1959 ad oggi. Le sue opere sono presenti nelle collezioni dei più importanti musei americani, tra i quali il MoMa e il Metropolitan di New York, e in alcuni musei europei, tra cui la Tate Gallery di Londra e il Museo di Francoforte.

Catalogo con testi di Luca Beatrice e Hans Rudolf Reust

Texts

Alex Katz